lunedì 14 agosto 2017

Profezia sull'Apocalisse, 23 settembre o 12 ottobre 2017? Video Chelyabinsk



 Gli argomenti profetici in materia di Apocalisse sono vari e in ultima ne abbiamo due che potrebbero verificarsi a una distanza di soli 24 giorni.


Con tutto quello che sta accadendo nel mondo, non sembra distante il pensiero della sua possibile fine annunciata da uno dei seguenti eventi: la stupidità dell'uomo, che persegue distruggendo la natura e il suo delicato ecosistema; un conflitto nucleare dato dalla disputa fra Stati Uniti e Corea del Nord [VIDEO]; la #profeziaraccontata da David Meade, contenuta anche all'interno della Bibbia, o più semplicemente da altri eventi inattesi, come la comparsa improvvisa di un #asteroide ostile in rotta di collisione verso la Terra. Quale di questi potrebbe essere il più preciso per annunciare una futura #Apocalisse? Vediamo.


Conflitto fra USA e Corea del Nord
Come ben sappiamo la situazione attuale non è delle più semplici e ovviamente una Nazione come gli Stati Uniti, considerata una delle potenze più grandi al mondo, non può sottostare e lasciarsi intimorire dal giovane 33enne Kim Jong-un, attuale dittatore .........

Segui la lettura e guarda il video

Autore: Emidio Melis

Resta informato mettendo 'mi piace', alla pagina Facebook



mercoledì 9 agosto 2017

The Beatles, i Baronetti della Regina, a Bologna con Astrid Kirchherr



Apre a Bologna la mostra dedicata ai Beatles, il gruppo britannico più celebre al mondo.

Un decennio di successi unì questo famoso gruppo, che intratteneva con le sue canzoni i soldati americani nel dopoguerra della città di Amburgo. Dal 1960 al 1970, la band di Liverpool rivoluzionò il mondo della musica, imprimendo il periodo nella storia e influenzando importanti cambiamenti nella moda, nel costume e nella pop art. Ancora oggi, a distanza di decenni dallo scioglimento e nonostante la morte di due suoi esponenti (John Lennon e George Harrison), i Beatles continuano a essere uno dei gruppi più amati e seguiti dalle migliaia di fan club sparsi nell’universo. Grazie all’enorme successo che il gruppo (rock, beat, pop) riscuoteva, Paul McCartney, John Lennon, Ringo Star e George Harrison furono chiamati a Corte e insigniti dalla Regina Elisabetta II, nel 1965, del titolo di ‘Baronetti dell’Ordine dell’Impero Britannico’. La scelta, voluta dall’allora primo ministro Harold Wilson, scatenò le ire di molti, ma soprattutto di alcuni membri dell’Ordine che restituirono il titolo nelle mani del Regno.


Video Youtube "Revolution"


Astrid Kirchherr whith the Beatles


La mostra già aperta e presentata a Bologna presso lo storico Palazzo Fava, ospiterà fino al 9 ottobre 2017, un focus della fotografa tedesca del gruppo, Astrid Kirchherr, che ne ha seguito la carriera e ogni concerto. Grazie alla relazione instauratasi con Stuart Sutcliffe, compagno d’accademia di John Lennon e uno dei primi bassisti del gruppo (allora composto da cinque elementi), Astrid ebbe un ruolo importantissimo quando studiò per ognuno di loro, una pettinatura a ciuffo che ricopriva la fronte, vestendoli con giubbotti in pelle e stivaletti a punta. L’insofferenza di quello che fu definito il ‘quinto Beatles’, lo portò ad abbandonare il quartetto per dedicarsi a quello che veramente amava; la pittura. La mostra, in esclusiva italiana, offrirà un assortimento di materiali e immagini mai esposti e ancora sconosciuti. Considerati i più grandi artisti di tutti i tempi, sono autori di186 canzoni, hanno venduto 600 milioni di dischi, fra singoli, musicassette e album, e il loro successo mediatico è tuttora studio universitario e di psicologi del settore.

Sketch Massimiliano Falcone
Intervista al designer Massimiliano Falcone
  •  Massimiliano, perché consigli di visitare la mostra dedicata ai Beatles?

- La mostra è una bellissima retrospettiva che percorre gli anni in cui il gruppo è cresciuto. Incontrati nel 1960 da Astrid Kirchherr, allora fidanzata con quello che sarà il futuro disegnatore della copertina ‘Revolver’, con innumerevoli scatti riuscirà a fotografare i Beatles nel periodo in cui, fautrice della loro trasformazione, ne influenzerà stile e look.
  •  L’amicizia tra i Beatles e la fotografa crebbe velocemente?
- La Kirchherr introdusse il gruppo alla letteratura esistenzialista determinandone un radicale cambio di stile. Giacche di pelle e acconciature con la banana furono sostituiti da completi notevolmente più glam, mentre il taglio dei capelli, a caschetto, diventarono il vero status simbol della band.
  • Astrid Kirchherr fu la prima a immortalare i Beatles
- Certamente, è storia della musica e della fotografia. Li ha ritratti in un servizio fotografico posato e seguiti fino all’apice della carriera, raccontandoli attraverso scatti memorabili, intimi e privati, tra vacanze rubate e week end in giro per il mondo.

Autore: Emidio Melis
Ispirazione: Massimiliano Falcone
Fonti: Wikipedia

Se l'articolo ti è piaciuto, entra nella pagina Facebook

venerdì 4 agosto 2017

Facebook interrompe improvvisamente la ricerca sull'intelligenza artificiale



Un caso insolito interrompe gli esperimenti sull'intelligenza artificiale portati avanti dal colosso Facebook, ecco il perché.

E' accaduto di recente al colosso Facebook, sempre pronto nell'investire milioni di dollari nella ricerca pur di ottenere dei risultati tecnologici che lo posizionino al primo posto nel mondo. Pura fantascienza o realtà, si chiederà chi è al corrente del progetto bloccato dall'azienda del plurimiliardario Mark Zuckerberg, ideatore del servizio di rete sociale più amato dai giovani. No, semplice realtà che porta a immaginari oscuri e ricorda quelle fantasie narrate centinaia di volte nei colossal di fantascienza più famosi del cinema americano, dove compaiono incredibili e improvvisi scenari che rendono superiori le intelligenze artificiali.


Il Fascino della ricerca

Quello che gli scienziati si sono sempre chiesti è cosa potrebbe fare l'intelligenza artificiale regalata a computer privi di vita umana, ma pieni di calcoli binari e sovraffollati numeri indecifrabili.  ......

Clicca qui e continua a leggere

Resta informato mettendo 'mi piace', alla pagina Facebook




Agnelli, un mito del potere a cavallo del novecento



Un documentario presentato al Cinema di Venezia racconterà, a quattordici anni dalla sua scomparsa, la vita dell'ultimo patriarca della FIAT, indiscusso Re di eleganza.

Un documentario che percorre la vita di Gianni Agnelli sarà presentato alla Mostra del Cimena di Venezia dal 30 agosto al 9 settembre, nella 14esima edizione delle Giornate degli autori e racconterà la vita dell'Avvocato italiano visto dagli USA, in una produzione HBO diretta dall'americano Nick Hooker. Nato a Torino nel marzo 1921, Giovanni Agnelli, conosciuto con il nome di Gianni e lo pseudonimo di 'Avvocato', alla morte del nonno diventerà il futuro patriarca della Fiat e prima di prenderne le redini in mano, su consiglio dello stesso, ebbe la libertà cui necessitava prima di cavalcare e stringere in mano le redini della presidenza; cosa avvenuta su decisione unanime di tutta la famiglia e che portò avanti fino alla sua morte, avvenuta il 24 gennaio 2003.


Primi lutti e onori del giovane Agnelli

Una vita ornata di lutti lo portò alla perdita del padre Edoardo a soli quattordici anni e della madre a ventiquattro. Nel ’38 conseguì la maturità superiore e due anni dopo, in piena seconda guerra mondiale diventò sottotenente arruolato e fu inviato sul fronte russo in qualità di addetto al comando. Rientrato in Italia nel ’41, sarà assegnato al Reggimento Cavalleggeri di Lodi. In un anno riuscirà a laurearsi in giurisprudenza prima di essere inviato a Tripoli al comando di un autoblindo e sarà insignito della Croce di guerra al valor militare nel ’43, per aver partecipato alla Campagna di Tunisia. Il suo rimpatrio, avvenuto il 29 aprile dello stesso anno con lo sbarco in Sicilia, fu specifica richiesta del nonno, il Senatore Giovanni Agnelli, che accusato per accordi con il regime fascista, fu privato delle proprietà e scagionato solo dopo la sua morte, nel dicembre 1945.
Fiat 500 e sketch di Massimiliano Falcone dedicato all'Avvocato
Intervista al designer Massimiliano Falcone

  • La voce narrante del film descrive l'Italia degli anni '50 uscita dalla guerra e il miracolo economico; "La famiglia Agnelli, con Gianni divenne il simbolo di quello che si doveva fare?"
- L'automobile, nelle parole dell'Avvocato, divenne "il simbolo della libertà dell'uomo nel movimento". Il documentario sarà molto interessante perché le curiosità, le rarità e gli aneddoti sulla sfera privata non si contano. C'è un ritratto all'interno, di sua madre Virginia, una donna stravagante ed eccentrica.

  • C'è anche qualche gossip: per esempio quell'amicizia "chiacchierata" con Jackie Kennedy.
- Erano gli anni della Dolce Vita. Le crociere in barca a vela, le serate con Grace e Ranieri, il presunto flirt con Jackie Kennedy, non so se ci fu, ma non ne sarei sorpreso.

  • E' vero, secondo te, che Agnelli era ossessionato dall'estetica e dalla moda?
- Di Gianni Agnelli si parla della top-top class nel mondo e tutti hanno cercato di copiarlo. Ancora oggi, l'Avvocato è un punto di riferimento in fatto di eleganza per certi uomini. La cura nei dettagli e l'attenzione per gli accessori fanno di lui un'icona dello stile e della classe.

Autore: Emidio Melis
Ispirazione: Massimiliano Falcone
Fonte: Wikipedia


Se l'articolo è piaciuto, entra nella pagina Facebook